Tiroide e medicina biologica

I vari documenti riguardanti la tiroide, pubblicati su questo sito, hanno soprattutto lo scopo di dimostrare come sia possibile curare, spesso con facilità, le varie malattie della tiroide, senza dover ricorrere all'ormone tiroideo per tutta la vita...

Per la grande importanza che riveste la tiroide abbiamo deciso di dedicarle una intera sezione, e ed è fondamentale leggere questo primo documento con molta attenzione...

Inoltre, è possibile visionare anche alcune interviste al dr Simeone sulla tiroide su you tube. 
Basta cliccare sui seguenti link:

1) Malattie più frequenti della tiroide

2) Cura della tiroide senza farmaci

3)I problemi della tiroide si possono risolvere

4) Ipotiroidismo e tiroidite

5) Utilizzo dell'ormone tiroideo

6) Quali esami clinici si devono fare

L'UNIVERSO TIROIDE

L'universo riguardante la tiroide è quanto mai vario e complesso.
Chi ha problemi di tiroide trarrà grande beneficio dalla lettura di questo primo documento  di carattere generale, poichè esso contiene la spiegazione del  tipo di approccio terapeutico, da parte della Medicina Biologica e Integrata, nei confronti delle malattie della tiroide (per visionare un video del dr Simeone su you tube riguardante le malattie della tiroide clicca qui).

Molti ci chiedono cosa si intende per "cura naturale della tiroide", pensando che tratti di omeopatia, erbe  o  cose del genere.

Ebbene, precisiamo subito che la "cura naturale" delle patologie della tiroide  è molto di più articolata e complessa di un semplice rimedio omeopatico o omotossicologico o fitoterapico: tentare di curare la tiroide con questo tipo di rimedi naturali significherebbe fallire almeno nel 95% dei casi.

Facciamo un  esempio e prendiamo l'ipotiroidismo, che  non potrà mai guarire realmente se:
1) non si corregge la "tipologia ossidativa" del paziente (leggi  la quinta scala del documento "nutrizione superiore")
2) se non si eliminano alcuni alimenti che rallentano la funzione tiroidea,
3) se non si correggono eventuali squilibri funzionali a carico del sistema metabolico ed energetico del paziente,
4) se, infine, non si correggono eventuali squilibri del "terreno organico" (flora batterica, candidosi, ecc.).

Tutto questo non si può fare prescrivendo semplicemente qualche prodotto omeopatico o omotossicologico o qualche erba.

La cura biologica delle malattie della tiroide dipende da 2 elementi: il primo è la capacità di fare una diagnosi di tipo funzionale, e non solo organica; il secondo è saper sinergizzare tra loro, con esperienza e maestria, le diverse terapie che fanno parte del mondo della Medicina Biologica, partendo sempre e comunque dal singolo paziente che ci sta di fronte.

In queste pagine cerchiamo anche di fare chiarezza e di spiegare perchè, secondo noi, non è condivisibile un protocollo che prevede l'uso della stessa medicina (l'ormone tiroideo), per giunta "per tutta la vita", in tutte le patologie della tiroide, anche molto diverse l'una dall'altra: lo stesso ormone, infatti, viene prescritto indifferentemente sia in caso di "tiroidite", sia in caso di "noduli", sia in caso di "ipotiroidismo".
La stessa cosa avviene anche in moltissimi casi di "ipertiroidismo", dopo che si sia inibita la funzione della ghiandola con le varie terapie che si utilizzano.

Ad esempio, cartelle cliniche alla mano, vedremo che molte persone in cura con l'ormone tiroideo erano sanissime (clicca qui) e sono cadute nella "rete farmacologica" solo perchè il protocollo mondiale, previsto dalle case farmaceutiche, viene purtroppo attuato con troppa leggerezza.

Addirittura qualche medico prescrive l'ormone tiroideo come prevenzione, la quale cosa si commenta da sola. 

Invece, a quelli che hanno realmente problemi tiroidei, possiamo dire che con la Medicina Biologica si ottengono risultati sorprendenti e si curano le varie patologie facendo tranquillamente a meno dell'ormone.

Dimostreremo anche che, spesso, alcuni esami diagnostici non sono affidabili (clicca qui).
Ad esempio, infatti, per quanto riguarda i noduli, se si effettuano 2 ecografie della tiroide, nello stesso giorno o a 2-3 giorni di distanza l'uno dall'altro (ovviamente in 2 posti diversi e senza esibire le ecografie precedenti), in molti casi esse non coincidono tra di loro, anzi a volte sono diversissime.
Anche per quanto riguarda la tiroidite, gli anticorpi salgono e scendono, e di molto, anche nella stessa giornata, e in ogni caso variano autonomamente nel tempo a prescindere dall'ormone tiroideo (il tutto è spiegato meglio nel paragrafo relativo alla tiroidite).

Inoltre, sempre per quanto riguarda la tiroidite, dimostreremo anche che non è vero che una tiroide con gli anticorpi elevati è sempre destinata ad andare incontro a un ineluttabile ipotiroidismo, soprattutto se curata bene con la Medicina Biologica e Integrata.
Anche questo è documentato da tanti casi di pazienti ai quali è stato gradualmente eliminato l'ormone e la loro tiroide, una volta "riabilitata", continua a funzionare perfettamente a distanza di anni (clicca qui).

Al fine di una migliore comprensione del "pianeta tiroide" abbiamo deciso di pubblicare anche moltissimi casi clinici (clicca qui).

Occupiamoci, ora, della domanda più ricorrente da parte dei pazienti: voi come curate la tiroide?
Innanzitutto, è ovvio, non prescrivendo a tutti, indistintamente, lo stesso ormone, per giunta a vita...
In realtà, la vera cura della tiroide non può che essere basata su di un "percorso terapeutico causale", che cioè vada a rimuovere le cause (metaboliche, energetiche, nutrizionali e quant'altro) che hanno provocato la malattia della tiroide.
E' solo rimuovendo quelle cause che la tiroide potrà guarire realmente e per sempre.
Da quanto abbiamo appena detto, appare evidente che non è la tiroide il vero bersaglio di cura, ma l'eliminazione delle cause prime che hanno provocato la malattia: una volta eliminate le cause, la tiroide guarisce automaticamente.

LA CURA DELLE MALATTIE DELLA TIROIDE IN MEDICINA BIOLOGICA E INTEGRATA 

Proviamo, ora, ad entrare più nel pratico, iniziando dal dare la giusta definizione  di cosa sia  la Medicina Biologica e Integrata, nonchè sul tipo di cure adottate per le malattie tiroidee.

Innanzitutto, per saperne di più sulla Medicina Biologica basta leggere il documento specifico (clicca), in modo da non confondere la Medicina Biologica e Integrata  con le semplici "omeopatia, erbe o omotossicologia...".

L'APPROCCIO DIAGNOSTICO

In campo diagnostico, oltre a tener conto degli esami convenzionali (TSH, FT3, FT4, anticorpi, ecografia, scintigrafia, ecc.), nel nostro Centro Medico viene effettuato un check-up funzionale che consente di valutare lo stato di salute dell'organismo anche sotto altri parametri.
Inoltre, viene valutata la "tipologia metabolica o ossidativa" del paziente, cioè la sua capacità di produrre le reazioni ossidative all'interno delle cellule: ad esempio, diagnosticare ed eventualmente correggere la "tipologia metabolica" del paziente è di fondamentale importanza per la cura dell'ipotiroidismo.

Il check-up funzionale può comprendere anche la misurazione delle correnti galvaniche del cavo orale che, in alcuni casi, specie nella titoidite, può rivelarsi importante per una buona diagnosi.

Infine, precisiamo che il check-up funzionale non è assolutamente invasivo.

LE TERAPIE 

Per quanto riguarda la fase terapeutica, le cure vengono prescritte in base ai risultati del check-up funzionale e alla individuazione della tipologia ossidativa del paziente.

E' possibile vedere anche il video del dr Simeone su you tube che parla di come si cura la tiroide senza ormoni (clicca qui)

La terapia consiste, innanzitutto, nel correggere gli squilibri metabolico-ossidativi ed energetici del paziente: per questo, ogni paziente è un caso a se stante e le cure sono molto individuali.
Ma la correzione della tipologia ossidativa è di fondamentale importanza per la cura della tiroide.
A questo scopo  sono fondamentali alcuni consigli nutrizionali in grado di correggere questa condizione metabolica. 

Poi, sempre a proposito di alimentazione, ricordiamo che pochi medici ed endocrinologi si ricordano che esistono alimenti che rallentano o stimolano la funzione tiroidea!
Così come pochi medici si ricordano che esistono alcuni farmaci ed alcuni integratori che interferiscono con la tiroide.

Eppure tutto questo è riportato anche nel PNLG (Programma Nazionale Linee Guida) dell'Istituto Superiore di Sanità: in particolare, si controlli la tabella riassuntiva alla fine del documento, subito prima della biografia.

In questo documento ufficiale si parla di interferenze tra alcuni farmaci o alcuni alimenti con la funzione tiroidea: certo, ad una lettura superficiale da parte di chi non è medico, sembrano tutti nomi strani...
Ora ne citeremo alcuni, tra quelli che sono descritti come "clinicamente rilevanti".

Parlando di farmaci, ad esempio, dietro il termine "idrossido di alluminio" si nascondono tanti comuni sciroppi e compresse per l'acidità gastrica; il termine "amiodarone" nasconde un comune farmaco per il cuore;  la "colestiramina" è contenuta in comuni farmaci contro il colesterolo e i trigliceridi; per non parlare dei "fans", che sono comunissimi farmaci anti-infiammatori...
Questi sono solo alcuni esempi.

Tra gli alimenti è apparentemente citata solo la soia, mentre moltissimi altri alimenti ed acque si celano sotto la dizione "carbonato di calcio", che rallenta la funzione tiroidea; peccato, però, che questi alimenti e queste acque non vengano neanche elencati...

Eppure, è difficile trovare endocrinologi che tengano conto di tutto questo, anzi nella quasi totalità dei casi viene subito prescritto l'ormone tiroideo per tutta la vita.

Tornando a parlare della cura della tiroide con la Medicina Integrata, si potranno utilizzare, a seconda dei casi,     anche  alcuni rimedi bioterapici (dall'immunologica omeopatica, all'oligoterapia, all'omotossicologia, ecc.) oppure alcune tecniche di regolazione energetica (ad es. la Biorisonanza).

In ogni caso, la terapia ideale viene scelta sempre in base alle esigenze del singolo paziente poichè, in Medicina Biologica, non esistono protocolli (come il solito ormone prescritto sempre e comunque in qualsiasi tipo di malattia tiroidea), in quanto ogni caso clinico è unico e deve essere interpretato e curato in quanto tale.

Per saperne di più, vi invitiamo a esplorare la sezione del sito dedicata alla tiroide comprendente anche una selezione di casi clinici e una descrizione della visita. (Clicca qui)